Allergia all’erba

Allergia all’erba


Allergia all’erba

Molte persone che sono allergiche ai pollini sono allergiche anche all’erba ed alle erbacce, o ai loro stessi pollini. Queste allergie, di solito, si verificano nella tarda primavera e in estate.

CAUSE: Anche se l’erba può non essere dannosa da sola, può diventarlo in caso di presenza di fertilizzanti, insetticidi ed erbicidi che possono essere velenosi e causare i sintomi al lieve contatto.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Difficoltà di respirazione;
  • Mal di testa;
  • Prurito e lacrimazione;
  • Naso che cola;
  • Starnuti;
  • Naso chiuso.

DIAGNOSI: Una visita al pronto soccorso di solito non è necessaria, a meno che la persona non abbia un attacco d’asma o una grave reazione allergica.

TERAPIA: Se avete difficoltà a respirare, rivolgersi al proprio medico immediatamente. Prima di chiamare il 118, determinare le seguenti informazioni:

  • Età, peso e condizione del paziente;
  • Tipo di sintomi.

Se l’erba è stato recentemente trattata con una sostanza chimica di qualsiasi genere, come fertilizzante, insetticida o erbicida, scoprire il nome del prodotto e gli ingredienti. Di solito l’allergia all’erba è trattata come la rinite allergica (in particolare cortisone, antinfiammatori e antistaminici, o con rimedi domestici come le idroterapie e lo zinco). Di solito i sintomi non sono gravi e si possono controllare come metodi domestici, dunque è necessario il ricovero solo in caso di contatto con sostanze chimiche velenose.

PROGNOSI: Normalmente non ci sono grossi problemi a meno che il paziente non abbia l’asma o una grave reazione allergica all’erba. Il recupero completo si verifica in quasi tutti i casi.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Thinkstock

Lascia un commento