Artrite reattiva

Artrite reattiva

Artrite reattiva

L’artrite reattiva è un gruppo di condizioni infiammatorie che coinvolge le articolazioni, l’uretra e gli occhi. Ci possono essere anche le ferite (lesioni), sulla pelle e sulle mucose.

CAUSE: La causa esatta dell’artrite reattiva è sconosciuta. Essa si verifica più frequentemente negli uomini, prima dei 40 anni a seguito di un’infezione da Clamidia, Campylobacter, Salmonella, o Yersinia. Alcuni geni possono rendere più inclini alla sindrome. La malattia è rara nei bambini più piccoli, ma può verificarsi negli adolescenti.

DIAGNOSI: La diagnosi si basa sui sintomi. Dato che i sintomi possono verificarsi in momenti diversi, la diagnosi può essere ritardata. Un esame fisico può rivelare congiuntiviti o lesioni cutanee tipiche. Gli esami che possono essere realizzati sono:

  • HLA-B27;
  • Raggi-X alle articolazioni;
  • Analisi delle urine.

SINTOMI: I sintomi urinari di solito compaiono entro pochi giorni o settimane dall’infezione. Febbre bassa, infiammazione della congiuntiva degli occhi (congiuntivite), e l’artrite si sviluppano nel corso delle settimane successive. L’artrite può essere lieve o grave e può interessare un solo lato del corpo o più di un’articolazione. I sintomi includono:

  • Dolore al tendine di Achille;
  • Dolore agli occhi;
  • Arrossamento degli occhi;
  • Scarico dagli occhi;
  • Dolore al tallone;
  • Dolore alle grandi articolazioni (anca, ginocchio e caviglia);
  • Lombalgia;
  • Lesioni cutanee sulle palme e suole che possono somigliare alla psoriasi;
  • Piccole ulcere indolori nella bocca, lingua e glande del pene;
  • Urgenza urinaria;
  • Minzione con bruciore o dolore;
  • Scarico uretrale;
  • Lesioni genitali (negli uomini);
  • Incontinenza;
  • Dolore al pene;
  • Arrossamento o infiammazione della pelle;
  • Esitazione urinaria.

PROGNOSI: L’artrite reattiva può andare via in poche settimane, ma può durare per alcuni mesi. I sintomi possono ritornare dopo parecchi anni in più della metà delle persone colpite. La condizione può diventare cronica.

TERAPIA: L’obiettivo del trattamento è quello di alleviare i sintomi e il trattamento di qualsiasi infezione sottostante. La congiuntivite e le lesioni cutanee associate alla sindrome non richiedono il trattamento, e passano per conto proprio. Il medico prescriverà gli antibiotici se c’è un’infezione. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e gli analgesici possono essere raccomandati per il dolore alle articolazioni. Se un’articolazione è costantemente infiammata, un medico può iniettare una forte medicina anti-infiammatoria (corticosteroidi) nella zona.

La terapia fisica può aiutare ad alleviare il dolore, aiutare a muoversi meglio, e mantenere la forza muscolare. Potrebbe essere necessaria per affrontare uno sforzo come il sollevamento di carichi pesanti o l’uso intenso della schiena. La terapia per sopprimere il sistema immunitario può essere considerata per gli individui con un grave caso di malattia, ma questo trattamento non è utilizzato nella maggior parte dei casi a causa degli effetti collaterali tossici. Possibili complicazioni possono essere:

  • Insufficienza aortica (rara);
  • Aritmie (rare);
  • Uveite.

Contattare un medico se i sintomi di questa condizione si sviluppano.

PREVENZIONE: Prevenire le malattie sessualmente trasmissibili e le infezioni gastrointestinali può aiutare a prevenire questa malattia. Indossare sempre il preservativo durante il rapporto sessuale. Lavare le mani e le superfici accuratamente prima e dopo la preparazione dei cibi.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento