Artrite virale

Artrite virale

Artrite virale

L’artrite virale è un gonfiore e irritazione (infiammazione) delle giunture a causa di un’infezione virale.

CAUSE: L’artrite può essere un sintomo di molte malattie virus-correlate. Di solito scompare da sola senza alcun effetto duraturo. Si può verificare con:

  • Enterovirus;
  • Virus Dengue;
  • L’epatite B;
  • L’epatite C;
  • Virus dell’immunodeficienza umana (HIV);
  • Parvovirus umano;
  • Parotite;
  • Rosolia.

La malattia può manifestarsi anche dopo l’immunizzazione con il vaccino della rosolia. Questa è una comune forma di disagio infantile. Mentre molte persone sono infettate con questi virus o ricevono il vaccino contro la rosolia, solo poche sviluppano l’artrite. Non ci sono fattori di rischio accertati.

SINTOMI: I sintomi principali sono dolore e gonfiore di una o più articolazioni.

DIAGNOSI: Un esame fisico dimostra l’infiammazione delle articolazioni. Un esame del sangue (sierologia) per i virus può essere effettuato. In alcuni casi, una piccola quantità di liquido può essere rimosso dall’articolazione interessata per determinare la causa dell’infiammazione.

TERAPIA: Il medico può prescrivere farmaci per alleviare il dolore e il disagio, oppure farmaci antivirali o anti-infiammatori. Se l’infiammazione delle articolazioni è grave, l’aspirazione del liquido dall’articolazione interessata può alleviare il dolore.

PROGNOSI: Il risultato è generalmente buono. La maggior parte dei casi guariscono entro alcuni giorni o settimane quando la malattia che l’ha causata viene curata. Di solito non ci sono complicazioni.

Contattare un medico se i sintomi dell’artrite durano più di poche settimane.

PREVENZIONE: Non vi è alcun modo conosciuto per prevenire l’artrite virale.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento