Ascesso epidurale spinale

Ascesso epidurale spinale

Ascesso epidurale spinale

L’ascesso epidurale spinale, o ascesso del midollo spinale, è il gonfiore e irritazione (infiammazione), accompagnato da raccolta di materiale infetto (pus) attorno al midollo spinale.

CAUSE: Un ascesso del midollo spinale è causato da un’infezione all’interno della colonna vertebrale. Un ascesso del midollo spinale è molto raro, e di solito si verifica come un ascesso epidurale. Le forme di accumulo di pus sono:

  • Cellule distrutte del tessuto;
  • Fluido;
  • Batteri vivi e morti e altri microorganismi;
  • Globuli bianchi.

Il pus è comunemente coperto da una fodera o una membrana che si forma intorno ai bordi. L’accumulo di pus provoca pressione sul midollo spinale. L’infezione può causare infiammazione e gonfiore, che comprime il midollo spinale. L’infezione è generalmente dovuta a batteri. Spesso è causata da un’infezione da stafilococco che si diffonde attraverso la colonna vertebrale. Essa può essere causata dalla tubercolosi in alcune aree del mondo, ma non è così comune oggi come era in passato. In rari casi, l’infezione può essere dovuta ad un fungo o virus. I seguenti fattori aumentano il rischio di un ascesso del midollo spinale:

  • Ferite o traumi ripetuti;
  • Bolle sulla pelle, specialmente sulla schiena o sul cuoio capelluto;
  • Complicazione della puntura lombare o della chirurgia alla schiena;
  • Diffusione di qualsiasi infezione attraverso il flusso sanguigno da altre parti del corpo (batteriemia).

L’infezione inizia spesso nelle ossa (osteomielite). L’infezione ossea può causare la formazione di un ascesso epidurale. Tale ascesso diventa più grande e preme sul midollo spinale. La malattia è rara, ma può essere pericolosa per la vita.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Brividi;
  • Febbre;
  • Perdita di controllo della vescica o dell’intestino;
  • Perdita del movimento di una zona del corpo;
  • Perdita della sensibilità di una zona del corpo;
  • Mal di schiena, spesso lieve ma che va lentamente peggiorando;
  • Dolore che si sposta a fianco, gamba, o piedi;
  • Dolore che può diffondersi fino alla spalla, braccio o mano;
  • Impotenza maschile;
  • Sintomi del sistema nervoso che peggiorano improvvisamente;
  • Intorpidimento in una specifica area limitata;
  • Grave mal di schiena;
  • Debolezza o paralisi.

DIAGNOSI: Un esame fisico spesso mostra mollezza sopra la colonna vertebrale. Un esame può mostrare segni di compressione midollare o paralisi del corpo inferiore (paraplegia) o del tronco intero, braccia e gambe (tetraplegia). La perdita del nervo dipende da dove la lesione si trova e quanto stia comprimendo il midollo spinale. I test che possono essere effettuati sono:

  • Tomografia Computerizzata;
  • Drenaggio dell’ascesso e del materiale dell’ascesso;
  • Esame del liquido cerebrospinale;
  • Risonanza Magnetica.

TERAPIA: Gli obiettivi del trattamento servono per alleviare la pressione sul midollo spinale e curare l’infezione. Essi sono:

  • Interventi chirurgici urgenti per alleviare la pressione (laminectomia). Si tratta di drenare l’ascesso, ma a volte non è possibile svuotarlo completamente;
  • Medicinali prescritti per eliminare l’infezione. Questi possono includere una combinazione di antibiotici;
  • I corticosteroidi possono occasionalmente essere prescritti per ridurre il gonfiore e la pressione sul midollo spinale.

PROGNOSI: La capacità di guarigione può variare. Alcune persone guariscono completamente. Un ascesso non curato può portare alla compressione del midollo spinale che può causare permanente paralisi e perdita grave del nervo. Essa può essere pericolosa per la vita. Se l’ascesso non è drenato completamente, può causare una ricaduta. Una possibile complicazione può essere che l’ascesso danneggi il midollo spinale per pressione diretta, oppure possa interrompere l’afflusso di sangue al midollo spinale. Le altre possono comprendere:

  • Mal di schiena cronico;
  • Perdita del controllo di vescica e/o intestino;
  • Perdita della sensibilità:
  • Impotenza maschile;
  • Debolezza, paralisi.

PREVENZIONE: Il completo trattamento di bolle, tubercolosi e altre infezioni diminuisce il rischio. Le persone con endocardite o disturbi cardiaci congeniti, potrebbero aver bisogno di assumere antibiotici preventivi prima di procedure dentistiche o altre invasive.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento