Ascesso retrofaringeo

Ascesso retrofaringeo

Ascesso retrofaringeo

L’ascesso retrofaringeo è un accumulo di pus nei tessuti nella parte posteriore della gola. Si tratta di una condizione potenzialmente pericolosa per la vita.

CAUSE: L’ascesso retrofaringeo generalmente colpisce i bambini sotto i 5 anni, ma può verificarsi a qualsiasi età. Del materiale infetto (pus) si accumula nello spazio intorno i tessuti nella parte posteriore della gola. Ciò si può verificare durante o subito dopo un’infezione alla gola.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Difficoltà di respirazione;
  • Difficoltà di deglutizione;
  • Sbavature;
  • Febbre alta;
  • Suono acuto nell’inalazione;
  • Retrazioni intercostali;
  • Forte dolore alla gola.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico e guarderà dentro la gola. Il medico o l’infermiere può strofinare delicatamente la parte posteriore della gola con un tampone di cotone, in modo che un campione di tessuto può essere più attentamente esaminato (cultura della gola). Altri test possono includere:

  • Emocromocitometrico completo (CBC);
  • TAC del collo;
  • Raggi-X del collo.

TERAPIA: L’intervento chirurgico è necessario per drenare la zona infetta. I corticosteroidi sono a volte dati per ridurre il gonfiore delle vie aeree. Antibiotici ad alto dosaggio sono dati attraverso una vena per trattare l’infezione. Le vie respiratorie saranno protette in modo che non rimangano completamente bloccate dal gonfiore.

PROGNOSI: E’ importante ottenere aiuto medico immediato. Questa condizione può portare all’ostruzione delle vie aeree, che può essere pericolosa per la vita. Con un trattamento immediato, è possibile effettuare un recupero completo. Possibili complicazioni possono essere:

  • Ostruzione delle vie aeree;
  • Aspirazione;
  • Mediastinite;
  • Osteomielite.

Questo elenco non può comprendere tutti i tipi di complicazioni.

Contattare un medico se voi o il vostro bambino avete la febbre alta con forte dolore alla gola. Richiedere immediatamente assistenza medica in caso di:

  • Difficoltà di respirazione;
  • Suoni respiratori acuti;
  • Retrazioni intercostali.

PREVENZIONE: Una diagnosi tempestiva e il trattamento della faringite o di infezioni delle vie respiratorie alte in genere evita l’ascesso retrofaringeo.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento