Ascesso subareolare

Ascesso subareolare

Ascesso subareolare

L’ascesso subareolare, detto anche retroareolare, è un ascesso o crescita sulla ghiandola areolare, che si trova nel petto o al di sotto l’areola (area colorata attorno capezzolo).

CAUSE: La causa di un ascesso retroareolare è un blocco delle piccole ghiandole o condotti sotto l’areola, con lo sviluppo di un’infezione sotto la pelle. Questo è un problema raro che colpisce le donne più giovani o di mezza età che non sono in periodo di allattamento. Non ci sono fattori di rischio noti.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Drenaggio e pus possibile dal grumo sotto area areolare;
  • Febbre;
  • Generale malumore;
  • Gonfiore o grumo sotto l’area areolare.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame del seno. L’esame ecografico della mammella può essere raccomandato in alcuni casi.

TERAPIA: Gli ascessi retroareolari sono trattati con antibiotici e con l’apertura e lo svuotamento del tessuto infetto. Questo può essere fatto in uno studio medico con anestesia locale paralizzante. Tuttavia, se l’ascesso dovesse tornare, le ghiandole colpite dovrebbe essere rimosse chirurgicamente.

PROGNOSI: La prognosi è buona dopo il trattamento chirurgico. L’unica possibile complicazione che a volte si verifica è che l’ascesso subareolare tende a tornare, ma il problema si risolve quando le ghiandole colpite vengono rimosse chirurgicamente. Contattare un medico se si sviluppa un grumo doloroso sotto il capezzolo o nell’area dell’areola.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento