Atresia esofagea

Atresia esofagea

atresia esofagea
Atresia esofagea

L’atresia esofagea è un disturbo del sistema digestivo in cui l’esofago non si sviluppa correttamente.

CAUSE: L’atresia esofagea è un difetto congenito (presente alla nascita). Ne esistono diversi tipi. Nella maggior parte dei casi, l’estremità superiore dell’esofago non si connette con quella inferiore e con lo stomaco. L’estremità superiore dell’esofago inferiore si collega alla trachea. Questa connessione si chiama fistola tracheoesofagea. Alcuni bambini con questa condizione avranno anche altri problemi al cuore o altre patologie dell’apparato digerente.

Altri tipi di atresia esofagea comportano il restringimento dell’esofago, e possono quindi essere associati ad altri difetti alla nascita. L’atresia esofagea si verifica in circa un neonato su 4.000.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Colorazione bluastra della pelle (cianosi), durante l’alimentazione;
  • Tosse, conati di vomito e soffocamento con l’alimentazione;
  • Sbavature;
  • Scarsa alimentazione.

DIAGNOSI: Prima della nascita, una ecografia eseguita sulla donna incinta può mostrare troppo liquido amniotico, che può essere un segno di atresia esofagea o altro blocco del tratto digestivo. La malattia si riscontra di solito poco dopo la nascita, quando viene tentata l’alimentazione ed il bambino comincia a tossire e diventare cianotico. Non appena si sospetta la diagnosi bisogna far passare un piccolo tubo per l’alimentazione attraverso la bocca o il naso fino allo stomaco. Il tubo non sarà in grado di arrivare fino allo stomaco in un bambino con atresia esofagea.

Una radiografia dell’esofago mostra un sacchetto pieno d’aria, e aria nello stomaco e nell’intestino. Un sondino confermerà la diagnosi.

TERAPIA: L’atresia esofagea è un’emergenza chirurgica. Un intervento per riparare l’esofago dovrebbe essere fatto in fretta dopo che il bambino si è stabilizzato in modo da non danneggiare i polmoni e permettere che il bambino venga alimentato. Prima dell’intervento, il bambino non dev’essere alimentato per via orale.

PROGNOSI: Una diagnosi precoce permette una migliore possibilità di guarigione. Possibili complicazioni possono essere il respiro di saliva ed altri fluidi nei polmoni, causando polmonite ab ingestis, soffocamento e a volte la morte. Altre complicazioni possono comprendere:

  • Problemi di alimentazione;
  • Reflusso dopo l’intervento chirurgico;
  • Restringimento (stenosi) dell’esofago a causa di cicatrici da intervento chirurgico.

La prematurità può complicare la condizione.

Contattare un medico se il bambino vomita dopo le poppate ripetutamente, o se sviluppa la difficoltà di respirazione.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento