Attacchi di panico

Attacchi di panico


Attacchi di panico

Gli attacchi di panico, chiamati tecnicamente disturbo di panico, sono un disturbo d’ansia che causa ripetuti attacchi improvvisi di paura intensa. Questi attacchi possono durare da minuti ad ore.

CAUSE: L’esatta causa del disturbo di panico è sconosciuta. La genetica può avere un ruolo. Gli studi suggeriscono che se un gemello identico ha il disturbo di panico, l’altro gemello svilupperà anche la condizione nel 40% dei casi. Tuttavia, il disturbo di panico spesso si verifica nei familiari che non sono parenti di sangue. Il disturbo di panico è due volte più comune nelle donne che negli uomini.

I sintomi di solito cominciano prima dei 25 anni. Anche se il disturbo può verificarsi nei bambini, è spesso non diagnosticato fino a quando non saranno più grandi. Le persone con questa patologia fanno spesso i test medici e gli esami per i sintomi correlati ad un attacco cardiaco o altre condizioni prima che una diagnosi di disturbo di panico è effettuata.

SINTOMI: Con il disturbo di panico, almeno quattro dei seguenti sintomi si verificano improvvisamente in 10 minuti. Gli attacchi possono essere seguiti da almeno un mese di paura persistente di avere un altro attacco.

  • Dolore o fastidio;
  • Vertigini o svenimento;
  • Paura di morire;
  • Paura di perdere il controllo;
  • Senso di soffocamento;
  • Sensazione di distacco;
  • Sensazione di irrealtà;
  • Nausea o disturbi allo stomaco;
  • Intorpidimento o formicolio;
  • Palpitazioni o cuore in gola;
  • Sensazione di fiato corto;
  • Sudorazione, brividi o vampate di calore;
  • Tremore o agitazione.

Spesso vi sono cambiamenti estremi di un comportamento a casa, scuola, lavoro o con la famiglia. Le persone con questo disturbo spesso si preoccupano del significato dei loro attacchi di panico. Essi possono pensare che stanno impazzendo o che hanno un attacco cardiaco. Una persona con disturbo di panico spesso vive nella paura di un altro attacco e può avere paura di rimanere sola o di essere lontana da un medico.

DIAGNOSI: Un medico effettuerà un esame fisico, comprese le analisi del sangue e una valutazione psichiatrica. I disturbi medici devono essere esclusi prima di diagnosticare il disturbo di panico. I disturbi legati all’abuso di sostanze dovrebbero anche essere considerati, perché alcuni possono simulare attacchi di panico. L’abuso di sostanze può verificarsi anche quando le persone che hanno attacchi di panico cercano di far fronte alla loro paura con alcool o droghe.

Disturbi al sistema cardiovascolare, endocrino, respiratorio e nervoso possono essere presenti contemporaneamente con gli attacchi di panico. Test specifici variano da persona a persona a seconda dei sintomi.

TERAPIA: I farmaci anti-ansia, antidepressivi e la terapia cognitivo-comportamentale sono stati utilizzati con successo per curare i disturbi di panico. I farmaci agiscono sul sistema nervoso centrale per ridurre l’ansia e i sintomi correlati. Le benzodiazepine sono una classe di uso comune di farmaci anti-ansia. Esse comprendono alprazolam (Xanax). Tuttavia, le persone possono diventare dipendenti da droghe. Idealmente, questi farmaci sono usati solo temporaneamente.

Gli antidepressivi chiamati SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) sono i farmaci più comunemente utilizzati per gli attacchi di panico. Essi comprendono la fluoxetina (Prozac), Sertralina (Zoloft), Paroxetina (Paxil), fluvoxamina (Luvox), Citalopram (Celexa), e escitalopram (Lexapro). Se gli SSRI non aiutano, l’uso a lungo termine delle benzodiazepine può essere considerato se non si ha una storia di tossicodipendenza e di tolleranza. Gli inibitori delle monoaminoossidasi (IMAO), come fenelzina (Nardil), tranylcypramine (Parnate), e isocarboxazid (Marplan), vengono utilizzati solo quando nessun’altro farmaco funziona. Gli IMAO sono i farmaci più efficaci per il disturbo di panico, ma hanno gravi effetti collaterali e possono interagire con altri farmaci e alimenti. Essi dovrebbero essere prescritti solo da uno psichiatra esperto.

Le terapie comportamentali dovrebbero essere utilizzate insieme con la terapia farmacologica. Queste includono:

  • Terapia cognitivo-comportamentale;
  • Ristrutturazione cognitiva (imparare a riconoscere e sostituire i pensieri che causano il panico);
  • Esposizione;
  • Piacevoli immagini mentali;
  • Tecniche di rilassamento.

La terapia comportamentale sembra avere benefici duraturi. L’esercizio fisico regolare, sonno adeguato e pasti regolari possono aiutare a ridurre la frequenza degli attacchi. Ridurre o evitare l’uso di caffeina e altri stimolanti.

PROGNOSI: Il disturbo di panico può essere a lungo termine e difficile da curare. Alcune persone con questo disturbo non possono essere curate con il trattamento. Tuttavia, molte persone possono aspettarsi un rapido miglioramento con le terapie farmacologiche e comportamentali. Possibili complicazioni possono essere

  • Volontà di evitare situazioni o luoghi che potrebbe portare ad un attacco;
  • Ansia e altri disturbi dell’umore;
  • Dipendenza da farmaci anti-ansia;
  • Sintomi da astinenza da farmaci.

Contattare un medico se gli attacchi di panico interferiscono con il vostro lavoro, le relazioni o l’autostima.

PREVENZIONE: Se si hanno attacchi di panico, evitare l’alcool e gli stimolanti come la caffeina e la cocaina. Queste sostanze possono causare o peggiorare i sintomi.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento