Attacco di cuore

Attacco di cuore


Attacco di cuore

L’attacco di cuore si ha quando i vasi sanguigni che forniscono il sangue al cuore sono bloccati, impedendo di ottenere abbastanza ossigeno. Il muscolo cardiaco muore o si danneggia in modo permanente. Si parla di infarto miocardico.

CAUSE: La maggior parte degli attacchi di cuore sono causati da un coagulo di sangue che blocca una delle arterie coronarie. Le arterie coronarie portano sangue e ossigeno al cuore. Se il flusso di sangue è bloccato, le cellule del cuore muoiono. Nell’aterosclerosi, la placca si accumula nelle pareti delle arterie coronarie. Questa è costituita da cellule di colesterolo ed altre.

Un attacco cardiaco può verificarsi a seguito di:

  • Lento accumulo di placca può quasi bloccare una delle arterie coronarie. Un attacco cardiaco può verificarsi se non passa abbastanza ossigeno attraverso questo blocco. Questo è più probabile che accada quando si è sotto sforzo;
  • La stessa placca sviluppa crepe o lacerazioni. Le piastrine formano un coagulo di sangue (trombo). Un attacco cardiaco può verificarsi se il coagulo di sangue blocca completamente il passaggio del sangue ricco di ossigeno al cuore. Questa è la causa più comune.

Occasionalmente, un improvviso e notevole stress emotivo o fisico, compresa una malattia, possono scatenare un attacco di cuore. I fattori di rischio per l’infarto e le malattie coronariche sono:

  • Età (oltre i 65 anni);
  • Sesso maschile;
  • Diabete;
  • Fattori genetici;
  • Alta pressione sanguigna;
  • Fumo;
  • Troppo grasso nella dieta;
  • Livelli di colesterolo non salutare, particolarmente elevato LDL (“cattivo”) e basso HDL (“buono”);
  • Malattia renale cronica.

SINTOMI: Il dolore toracico è un sintomo importante dell’attacco di cuore. Si può sentire il dolore in una sola parte del corpo, o può passare da petto a braccia, spalle, collo, denti, mascelle, pancia o schiena. Il dolore può essere grave o lieve. Può essere vissuto come:

  • Una benda stretta attorno al torace;
  • Indigestione;
  • Qualcosa di pesante sul petto;
  • Spremitura o una forte pressione.

Il dolore di solito dura più di 20 minuti. Il riposo e un farmaco chiamato nitroglicerina non possono completamente alleviare il dolore di un attacco di cuore. I sintomi possono anche andare via e tornare. Altri sintomi di un attacco di cuore sono:

  • Ansia;
  • Tosse;
  • Svenimento;
  • Vertigini;
  • Nausea o vomito;
  • Palpitazioni;
  • Mancanza di respiro;
  • Sudorazione eccessiva.

Alcune persone (anziani, persone con diabete, e le donne) possono avere poco o per nulla dolore al petto, oppure, possono sperimentare sintomi insoliti (respiro corto, stanchezza, debolezza). Un “attacco di cuore silenzioso” è un attacco di cuore senza sintomi.

DIAGNOSI: Un attacco cardiaco è un’emergenza medica. Se si hanno sintomi di un attacco di cuore, richiedere immediatamente assistenza medica. Se siete voi ad essere colpiti, non tentare di guidare fino all’ospedale. Il medico eseguirà un esame fisico e ascolterà il torace con uno stetoscopio. Il medico può sentire i suoni anomali nei polmoni (chiamati crepitii), un soffio al cuore, o altri suoni anomali. Si può avere un polso rapido. La pressione del sangue può essere normale, alta o bassa. I test sono:

  • Angiografia coronarica;
  • TAC;
  • Ecocardiografia;
  • Elettrocardiogramma una volta o ripetuta per diverse ore;
  • Risonanza Magnetica;
  • Ventricolografia nucleare.

Gli esami del sangue possono aiutare a mostrare se si hanno danni ai tessuti del cuore o un alto rischio di attacco cardiaco. Questi test includono:

  • Troponina I e troponina T;
  • CPK e CPK-MB;
  • Mioglobina sierica.

TERAPIA: Se avete avuto un attacco cardiaco, è necessario rimanere in ospedale. Il paziente sarà collegato ad una macchina per l’elettrocardiogramma. Le aritmie sono la principale causa di morte nelle prime ore di un attacco di cuore. Queste possono essere curate con farmaci o defibrillazione. Verrà fornito ossigeno, anche se i livelli di ossigeno nel sangue sono normali. Questo viene fatto in modo che i tessuti del corpo abbiano facile accesso all’ossigeno ed il cuore non debba sforzarsi.

Medicine e liquidi passano per via endovenosa. Potrebbe essere necessario un catetere urinario in modo che i medici possano vedere quanto fluido viene rimosso dal corpo. L’angioplastica, detta anche intervento coronarico percutaneo, è la procedura di emergenza preferita per l’apertura delle arterie per alcuni tipi di attacchi di cuore. Deve preferibilmente essere eseguita entro 90 minuti dall’arrivo in ospedale e non oltre 12 ore dopo un attacco di cuore.

L’angioplastica è una procedura per aprire i vasi ridotti o bloccati. Uno stent coronarico è un piccolo tubo di rete metallica che si apre (si espande) all’interno di una arteria coronaria. Uno stent è spesso collocato dopo l’angioplastica. Aiuta a prevenire che l’arteria si chiuda di nuovo. Uno stent rilascia anche un farmaco.

Sulla base dei risultati dell’ECG, alcuni pazienti possono avere somministrati farmaci per rompere il coagulo. E’ meglio se questi farmaci siano somministrati entro 3 ore da quando il primo paziente ha sentito il dolore al torace (terapia trombolitica). La prima medicina è dato attraverso una flebo. Fluidificanti del sangue per via orale possono essere prescritti in seguito per evitare la formazione di coaguli. La terapia trombolitica non è appropriata per le persone che hanno:

  • Emorragia intracranica;
  • Anomalie cerebrali come i tumori o malformazioni dei vasi sanguigni;
  • Ictus negli ultimi 3 mesi (o forse più);
  • Trauma cranico negli ultimi 3 mesi.

La terapia trombolitica è estremamente pericolosa nelle donne in gravidanza o in persone che hanno:

  • Già usato fluidificanti del sangue come Coumadin;
  • Subito interventi chirurgici maggiori o una lesione importante nelle ultime 3 settimane;
  • Emorragie interne nelle ultime 2-4 settimane;
  • Ulcera peptica;
  • Forte pressione arteriosa alta.

Molti farmaci differenti sono usati per trattare e prevenire gli attacchi di cuore. La nitroglicerina aiuta a ridurre il dolore al torace. È inoltre possibile ricevere farmaci per alleviare il forte dolore. I farmaci antiaggreganti piastrinici aiutano a prevenire la formazione di coaguli. L’aspirina è un farmaco antiaggregante piastrinico. Un altro è il clopidogrel (Plavix). Chiedete al vostro medico quali farmaci prendere.

Per il primo anno dopo un attacco di cuore, è probabile che si prendano l’aspirina e clopidogrel ogni giorno. Dopo di che, il medico può prescrivere solo l’aspirina. In caso di angioplastica e stent coronarico posto dopo l’attacco cardiaco, potrebbe essere necessario assumere Clopidogrel con l’aspirina per più di un anno. Altri farmaci potrebbero essere utilizzati durante o dopo un attacco di cuore:

  • Beta-bloccanti (come il metoprololo, atenololo, propranololo e) per contribuire a ridurre la pressione sul cuore e la pressione sanguigna più bassa;
  • ACE-inibitori (come ramipril, lisinopril, enalapril, o captopril) utilizzati per prevenire l’insufficienza cardiaca e la pressione sanguigna più bassa;
  • Farmaci ipolipemizzanti, soprattutto statine (come la lovastatina, pravastatina, simvastatina, atorvastatina e rosuvastatina) per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e per prevenire l’aumento della placca. Essi possono ridurre il rischio di un altro attacco cardiaco o morte.

Sempre consultare il proprio medico curante prima di smettere di prendere i farmaci. L’angiografia coronarica può rivelare una grave malattia coronarica in molti vasi, o un restringimento dell’arteria coronaria principale. In queste circostanze, il cardiologo può raccomandare l’intervento di bypass coronarico. Questa procedura è chiamata anche “chirurgia a cuore aperto”.

PROGNOSI: La possibilità di guarigione dalla quantità e dalla localizzazione del tessuto danneggiato. Il risultato è peggiore se l’attacco di cuore ha causato danni al sistema di segnalazione che indica la contrazione del cuore. Circa un terzo degli attacchi di cuore sono mortali. Se vivete 2 ore dopo un attacco, è probabile che possiate sopravvivere, ma si possono avere complicazioni. Coloro che non hanno complicazioni possono recuperare completamente. Di solito una persona che ha avuto un attacco di cuore può lentamente tornare alle normali attività, compresa l’attività sessuale. Possibili complicazioni possono essere:

  • Shock cardiogeno;
  • Insufficienza cardiaca congestizia;
  • Danno che si estende al tessuto cardiaco;
  • Danni alle valvole cardiache o alle pareti del cuore;
  • Infiammazione intorno al rivestimento del cuore (pericardite);
  • Battiti cardiaci irregolari, tra cui tachicardia ventricolare e la fibrillazione ventricolare;
  • Coaguli di sangue nei polmoni (embolia polmonare);
  • Coagulo di sangue al cervello (ictus);
  • Effetti collaterali del trattamento farmacologico.

Contattare un medico se si hanno i sintomi di un attacco di cuore.

PREVENZIONE: Per evitare un attacco di cuore:

  • Mantenere la pressione arteriosa, glicemia e colesterolo sotto controllo.;
  • Non fumare;
  • Considerate di bere 1-2 bicchieri di alcool o di vino ogni giorno. Moderate quantità di alcool possono ridurre il rischio di problemi cardiovascolari. Tuttavia, bere grandi quantità fa più male che bene;
  • Seguire una dieta a basso contenuto di grassi, ricca di frutta e verdura e povera di grassi animali;
  • Mangiare pesce due volte alla settimana. Al forno o alla griglia è meglio della frittura;
  • Fare esercizio ogni giorno o più alla settimana. Camminare è una buona forma di esercizio fisico. Parlate con il vostro medico prima di iniziare un esercizio;
  • Perdere peso se si è in sovrappeso.

Se si hanno uno o più fattori di rischio per le malattie cardiache, rivolgersi al medico riguardo alla possibilità di prendere l’aspirina per prevenire un attacco di cuore. Dopo un attacco di cuore, è necessario effettuare controlli regolari per ridurre il rischio di avere un secondo attacco di cuore. Spesso, un programma di riabilitazione cardiaca si raccomanda per aiutare gradualmente a tornare ad una vita normale. Seguire sempre l’esercizio, la dieta, e il piano farmaci prescritti dal medico.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento