Cancro al fegato

Cancro al fegato


Cancro al fegato

Il cancro al fegato è chiamato anche carcinoma epatocellulare.

CAUSE: Il carcinoma epatocellulare rappresenta il maggior parte dei tumori del fegato. Questo tipo di cancro si verifica più spesso negli uomini rispetto alle donne. Di solito è visto nelle persone tra 50 e 60 anni. La malattia è più comune in alcune parti dell’Africa e dell’Asia rispetto all’America e all’Europa.

Il carcinoma epatocellulare non è uguale al cancro al fegato metastatico, che inizia in un altro organo (come il seno o il colon) e si diffonde al fegato. Nella maggior parte dei casi, la causa del cancro al fegato è la cicatrizzazione del fegato (cirrosi) che può essere causata da:

  • Abuso di alcool;
  • Alcune malattie autoimmuni del fegato;
  • Malattie che causano a lungo termine infiammazione del fegato;
  • Epatite B o C;
  • Troppo ferro nell’organismo (emocromatosi).

I pazienti con epatite B o C sono a rischio di cancro al fegato, anche se non hanno la cirrosi.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Dolore o mollezza addominale, soprattutto nella parte superiore destra;
  • Facilità di ecchimosi o emorragie;
  • Addome gonfio;
  • Ittero.

DIAGNOSI: L’esame fisico può mostrare un fegato gonfio. I test includono:

  • TAC addominale;
  • Ecografia addominale;
  • Biopsia epatica;
  • Enzimi epatici (test di funzionalità epatica);
  • Scansione del fegato;
  • Livelli sierici di alfa fetoproteina.

Alcuni pazienti ad alto rischio possono ottenere esami del sangue periodici e ultrasuoni per capire se i tumori sono in via di sviluppo.

TERAPIA: L’intervento chirurgico o un trapianto di fegato possono trattare con successo piccoli tumori a crescita lenta o se diagnosticata in tempo. Tuttavia, pochi pazienti vengono diagnosticati in fase precoce. La chemioterapia e trattamenti radioterapici di solito non sono efficaci. Tuttavia, possono essere utilizzati per ridurre i tumori di grandi dimensioni in modo che la chirurgia abbia maggiori possibilità di successo.

Il Toslate sorafenib (Nexavar), un farmaco orale che blocca la crescita tumorale, è approvato per i pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato.

PROGNOSI: Le possibilità di guarigione sono scarse perché solo il 10-20% dei carcinomi epatocellulari possono essere rimossi completamente con un intervento chirurgico. Se il cancro non può essere completamente rimosso, la malattia è di solito mortale entro 3-6 mesi. Tuttavia, la sopravvivenza può variare, e di tanto in tanto il paziente può sopravvivere molto più a lungo dei 6 mesi. Possibili complicazioni possono essere:

  • Sanguinamento gastrointestinale;
  • Insufficienza epatica;
  • Metastasi del carcinoma.

Contattare un medico se sviluppate persistente dolore addominale, soprattutto se avete una storia di malattia epatica.

PREVENZIONE: Prevenire e trattare l’epatite virale può contribuire a ridurre il rischio. La vaccinazione dei bambini contro l’epatite B può ridurre il rischio di cancro del fegato in futuro. Evitare di bere quantità eccessive di alcool. Alcuni pazienti possono trarre beneficio da uno screening per l’emocromatosi. Se si ha l’epatite cronica o cirrosi, lo screening periodico con ecografia epatica o misurazione dei livelli di alfa-fetoproteina nel sangue possono aiutare a rilevare questo tipo di tumore precoce.

[Fonti: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento