Cancro della pelvi renale (cancro dell’uretere)

Cancro della pelvi renale (cancro dell’uretere)

Cancro della pelvi renale (cancro dell’uretere)

Il cancro della pelvi renale o dell’uretere è il cancro che si forma nella pelvi o nel tubo che porta l’urina dal rene alla vescica.

CAUSE: Il cancro può crescere nel sistema di raccolta delle urine, ma è raro. Come gruppo, i tumori della pelvi renale e dell’uretere rappresentano non più del 5% di tutti i tumori del rene e del tratto urinario superiore. Colpisce gli uomini più spesso delle donne ed è più comune nelle persone di età superiore ai 65 anni. I tumori della pelvi renale e dell’uretere sono solitamente tumori a cellule di transizione. Circa il 10% sono carcinomi a cellule squamose. Le cause di questo tumore non sono completamente note. A lungo termine, l’irritazione dei reni da sostanze nocive può essere un fattore di rischio. Questa irritazione può essere causata da:

  • Nefropatia Analgesica;
  • L’esposizione a certi coloranti e sostanze chimiche usate per la fabbricazione di prodotti in cuoio, tessuti, plastica e gomma;
  • Fumo.

I pazienti con una storia di cancro della vescica sono a rischio.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Mal di schiena;
  • Sangue nelle urine;
  • Bruciore, dolore o disagio con la minzione;
  • Urine scure o color ruggine;
  • Stanchezza;
  • Dolore al fianco;
  • Necessità di urinare frequentemente durante la notte;
  • Perdita di peso involontaria;
  • Elevata frequenza o urgenza urinaria;
  • Esitazione urinaria.

DIAGNOSI: Un medico esaminerà l’addome con il tatto. Raramente troverà una massa o gonfiore ai reni. Il paziente può avere sangue nelle urine. Un esame emocromocitometrico completo (CBC), può mostrare l’anemia. Le cellule tumorali possono essere visualizzate nelle seguenti prove:

  • Citologia urinaria (esame al microscopio delle cellule), scattate durante una cistoscopia;
  • Citologia urinaria prelevata da un campione di urina.

Il tumore, o segni di ostruzione delle vie urinarie, possono essere visualizzati con:

  • Tomografia computerizzata addominale;
  • Pielogramma per via endovenosa;
  • Ecografia renale;
  • Risonanza Magnetica dell’addome;
  • Scan renale.

Una radiografia, TAC o risonanza magnetica in altre aree del corpo può dimostrare che il cancro si è diffuso.

TERAPIA: L’obiettivo del trattamento è quello di eliminare il cancro. Un intervento chirurgico per rimuovere tutto o parte del rene (nefrectomia) è di solito raccomandato. Ciò può includere la rimozione da parte della vescica e dei tessuti attorno ad essa, o dei linfonodi. Se il tumore è nell’uretere, può essere possibile rimuoverlo mantenendo il rene. Quando il cancro si è diffuso al di fuori del rene o dell’uretere, la chemioterapia viene spesso utilizzata. Poiché questi tumori sono simili ad una forma di cancro alla vescica, sono curati con un tipo simile di chemioterapia.

PROGNOSI: La guarigione varia a seconda della posizione del tumore e se il cancro si è diffuso. Il cancro nel rene o nell’uretere può essere curato con la chirurgia. Il cancro che si è diffuso ad altri organi di solito non è curabile. Tuttavia, ci sono delle eccezioni. Possibili complicazioni possono essere:

  • Insufficienza renale;
  • Diffusione locale del tumore, con un aumento del dolore;
  • Diffusione del cancro.

Contattare un medico se si hanno i sintomi sopra elencati.

PREVENZIONE: Seguite il consiglio del vostro medico per quanto riguarda i farmaci, compresi analgesici. Smettere di fumare ed indossare equipaggiamento protettivo se si può essere esposti a sostanze che sono tossiche per i reni.

Fonti: [National Comprehensive Cancer Network Clinical Practice Guidelines in Oncology: vescica cancro, compreso tratto superiore dell’apparato Tumori uroteliali e carcinoma della prostata. National Comprehensive Cancer Network, 2008; http://health.nytimes.com/health/]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento