Carcinoma della pelle a cellule squamose

Carcinoma della pelle a cellule squamose

Carcinoma della pelle a cellule squamose

Il carcinoma della pelle a cellule squamose, chiamato anche cancro a cellule squamose della pelle o cancro della pelle non melanoma, è un tipo di tumore che colpisce la pelle.

CAUSE: Il carcinoma a cellule squamose si verifica quando le cellule cominciano a cambiare la pelle. I cambiamenti possono iniziare nella pelle normale o in pelle che è stata ferita o infiammata. La maggior parte di questi tumori si verifica sulla pelle che viene regolarmente esposta alla luce solare o alla radiazione ultravioletta, e si verifica molto spesso in persone sopra i 50 anni.

Il carcinoma a cellule squamose in situ (detto anche malattia di Bowen) è la prima forma di carcinoma a cellule squamose. Il cancro non ha ancora invaso i tessuti circostanti, si presenta come grandi macchie rossastre che sono squamose e crostose. La cheratosi attinica è una lesione precancerosa della pelle. In rari casi può diventare un carcinoma a cellule squamose. I rischi per il carcinoma squamoso della pelle sono:

  • Avere la pelle chiara, occhi blu o verdi, o capelli biondi o rossi;
  • Lunga esposizione al sole ogni giorno;
  • Ustioni molti gravi in età precoce;
  • Età avanzata;
  • Un gran numero di raggi-X;
  • Esposizione all’arsenico;
  • Esposizione chimica.

Il carcinoma a cellule squamose si diffonde più velocemente del carcinoma a cellule basali, ma può essere a crescita relativamente lenta. Raramente, può diffondersi (metastatizzare) in altri posti come gli organi interni.

SINTOMI: Il sintomo principale del carcinoma squamoso è una bolla in crescita che può avere una superficie ruvida, piatta e squamosa con macchie rossastre. Si trova in genere sul viso, orecchie, collo, mani e braccia, ma può verificarsi in altre aree. Una ferita che non guarisce può essere un segno di tumore a cellule squamose. Qualsiasi cambiamento di una verruca esistente, neo o altre lesioni della pelle potrebbe essere un segno di cancro della pelle.

DIAGNOSI: Il medico controllerà la pelle e guarderà le dimensioni, la forma, il colore e la consistenza di eventuali aree sospette. Se il cancro della pelle è sospettato, un pezzo di pelle sarà rimosso per essere esaminato al microscopio (biopsia della pelle). La biopsia deve essere fatta per confermare la diagnosi di carcinoma a cellule basali o di altri tumori della pelle. Ci sono molti tipi di biopsie cutanee, la procedura esatta dipende dalla posizione del tumore sospetto.

TERAPIA: Il cancro della pelle ha un alto tasso di guarigione se curato precocemente. Il trattamento dipende da quanto grande è il tumore, la sua posizione, e in che misura si è diffuso (metastasi). Le terapie possibili sono:

  • Escissione, cioè tagliare via il tumore;
  • Curettaggio ed elettrodessiccazione per raschiare via il cancro e usando l’elettricità per uccidere eventuali cellule cancerose residue. È usato per curare tumori che non sono molto grandi o profondi;
  • Intervento chirurgico di Mohs comporta il taglio di uno strato di cancro della pelle per guardarlo subito al microscopio per verificare se il cancro è rimasto nel corpo. Più strati vengono rimossi fino a quando il campione di pelle è libero dal cancro. La chirurgia di Mohs è più suscettibile di essere utilizzata per i tumori cutanei sul naso, le orecchie e altre zone del viso;
  • Criochirurgia, blocca e uccide le cellule tumorali;
  • Radioterapia, può essere utilizzata se il tumore si è diffuso ad organi o linfonodi, o per i tumori a cellule squamose che non possono essere curati con la chirurgia;
  • Creme per la pelle ed i farmaci Imiquimod o 5-fluorouracile possono essere usati per curare la cheratosi attinica ed il carcinoma a cellule squamose superficiale (non molto profondo);
  • Terapia fotodinamica, un particolare tipo di trattamento con la luce, può essere utilizzato per curare la malattia di Bowen.

PROGNOSI: La maggior parte dei tumori a cellule squamose (95%) può essere curato se viene rimosso tempestivamente. Nuovi tumori possono svilupparsi comunque. Se si ha avuto il cancro a cellule squamose, far esaminare regolarmente l’area dal vostro medico. Le prospettive di guarigione dipendono da numerosi fattori, tra cui il tipo di cancro e quanto rapidamente è stato diagnosticato. Il carcinoma a cellule squamose raramente si diffonde ad altre parti del corpo. Alcuni tipi di cancro a cellule squamose possono essere più difficili da curare o possono diffondersi. Questo rischio può dipendere da:

  • Le dimensioni o la forma del tumore;
  • Come il cancro si presenta alla biopsia;
  • Se il cancro della pelle viene scoperto;
  • Altri problemi di salute.

Possibili complicazioni possono essere la diffusione del tumore locale e in altre zone, come gli organi interni,

Contattare un medico se si nota il cambiamento di un neo o bolla in:

  • Aspetto;
  • Colore;
  • Dimensione;
  • Forma

E se provoca dolore, infiammazione, sanguinamento, prurito o irritazione.

PREVENZIONE: Ridurre l’esposizione al sole. Proteggere la pelle dal sole indossando cappelli, camicie a maniche lunghe, gonne lunghe o pantaloni. La luce solare è più intensa tra le 10:00 e le 16:00, quindi cercate di limitare l’esposizione in queste ore. Utilizzare prodotti solari di alta qualità, preferibilmente con fattore di protezione solare alto che protegga sia dai raggi UVA che UVB. Applicare la protezione solare almeno 30 minuti prima dell’esposizione e riapplicare frequentemente. Utilizzare una protezione solare durante tutto l’anno, anche durante l’inverno, se siete costantemente esposti al sole. Utilizzare una formula impermeabile. Altri fatti importanti per contribuire ad evitare l’esposizione al sole sono:

  • Evitare superfici che riflettono la luce, come l’acqua, sabbia, cemento e le aree dipinte di bianco;
  • I pericoli sono maggiori all’inizio dell’estate;
  • La pelle brucia più velocemente a quote più elevate;
  • Evitare lampade solari e lettini abbronzanti.

Esaminare la pelle regolarmente per eventuali neoformazioni sospette o cambiamenti di una pelle già irritata. Una nuova crescita che forma un’ulcera o è lenta a guarire è sospetta.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento