Carcinoma polmonare a piccole cellule

Carcinoma polmonare a piccole cellule


Carcinoma polmonare a piccole cellule

Il carcinoma polmonare a piccole cellule è un tipo di cancro ai polmoni a rapida crescita. Si diffonde molto più rapidamente di un tumore non a piccole cellule. Ci sono tre diversi tipi di cancro polmonare a piccole cellule:

  • Carcinoma a piccole cellule;
  • Carcinoma misto a grandi e piccole cellule;
  • Carcinoma a piccole cellule combinato.

La maggior parte dei tumori a piccole cellule del polmone sono del primo tipo.

CAUSE: Circa il 15% dei casi di cancro al polmone sono carcinoma polmonare a piccole cellule. Il tumore polmonare a piccole cellule è un po’ più comune negli uomini rispetto alle donne. Quasi tutti i casi sono dovuti al fumo di sigaretta, ma raramente capita in coloro che non hanno mai fumato. Questa è la forma più aggressiva di cancro ai polmoni. Di solito inizia nei bronchi, nel centro del petto. Anche se le cellule tumorali sono piccole, crescono molto rapidamente e creano tumori di grandi dimensioni. Questi tumori spesso si diffondono rapidamente (metastatizzano) in altre parti del corpo, compreso il cervello, fegato e ossa.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Catarro con sangue;
  • Dolore toracico;
  • Tosse;
  • Perdita di appetito;
  • Mancanza di respiro;
  • Perdita di peso;
  • Sibilo;
  • Gonfiore del viso;
  • Febbre;
  • Raucedine o cambiamento della voce;
  • Difficoltà di deglutizione;
  • Debolezza.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico e porrà domande sulla storia medica. Verrà chiesto se si fuma, e se sì, quanto e per quanto tempo si ha fumato. Durante l’ascolto del torace con uno stetoscopio, il medico può a volte sentire un fluido intorno ai polmoni o aree di collasso polmonare parziale. Ognuno di questi risultati potrebbe (ma non sempre) suggerire il cancro. Il carcinoma polmonare a piccole cellule di solito si diffonde in altre parti del corpo dal momento in cui viene diagnosticato. I test che possono essere eseguiti sono:

  • Scintigrafia ossea;
  • Radiografia del torace;
  • Esame emocromocitometrico completo;
  • TAC;
  • Test di funzionalità epatica;
  • Risonanza Magnetica;
  • Tomografia a emissione di positroni;
  • Test dell’espettorato (citologia, alla ricerca di cellule tumorali);
  • Toracentesi (prelievo del liquido dalla cavità toracica intorno ai polmoni).

In alcuni casi, il medico può rimuovere un pezzo di tessuto dai polmoni per l’esame al microscopio (biopsia). Ci sono diversi modi per farlo:

  • Broncoscopia in combinazione con biopsia;
  • TAC-diretto agobiopsia;
  • Ecografia endoscopica dell’esofago con biopsia;
  • Mediastinoscopia con biopsia;
  • Biopsia polmonare aperta;
  • Biopsia pleurica.

Di solito, se una biopsia rivela il cancro, altri test di imaging sono fatti per scoprire lo stadio del cancro, per sapere quanto è grande il tumore e in che misura si è diffuso. Tuttavia, il sistema di stadiazione tradizionale non è di solito utilizzato per i pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule, che viene classificato come:

  • Limitato (il cancro è solo nel torace e può essere trattato con radioterapia);
  • Esteso (il cancro si è diffuso al di fuori del petto).

La maggior parte dei casi sono estesi.

TERAPIA: Poiché il carcinoma si diffonde rapidamente in tutto il corpo, il trattamento deve includere farmaci chemioterapici assunti per bocca o per iniezione nel corpo. La chemioterapia può essere combinata con la radioterapia dei polmoni in persone che hanno una malattia limitata. I più comunemente utilizzati sono etoposide sia con cisplatino o carboplatino.

Poiché la malattia è generalmente diffusa nel momento in cui viene diagnosticata, pochissimi pazienti con il carcinoma subiscono un intervento chirurgico. L’intervento chirurgico è considerato solo quando c’è un tumore non diffuso. La chemioterapia o le radiazioni saranno necessarie dopo l’intervento.

La combinazione di chemioterapia e radioterapia è data a persone con la malattia estesa. Tuttavia, il trattamento aiuta solo ad alleviare i sintomi e non cura la malattia. Spesso il carcinoma a piccole cellule potrebbe essere già diffuso al cervello, anche quando non ci sono sintomi o altri segni di tumore nel cervello. Di conseguenza, la radioterapia al cervello può essere somministrata ad alcuni pazienti con tumori più piccoli, oppure a coloro che hanno una buona risposta al primo turno di chemioterapia. Questo metodo viene chiamato irradiazione cranica profilattica.

PROGNOSI: Le possibilità di guarigione dipendono da quanto il cancro si è diffuso. Senza trattamento, la sopravvivenza media è di 2-4 mesi. Il trattamento può spesso prolungare la vita a 6-12 mesi nei pazienti con malattia estesa. Circa il 10% dei pazienti con limitata diffusione non mostrerà alcuna prova del tumore a 2 anni. Questo tipo di tumore è mortale. Solo circa il 6% delle persone con questo tipo di tumore sono ancora in vita a 5 anni dalla diagnosi. Possibili complicazioni possono essere diffusione del cancro ad altre parti del corpo e gli effetti collaterali della chirurgia, chemioterapia o radioterapia.

Contattare un medico se si hanno i sintomi di cancro ai polmoni (soprattutto se si fuma).

PREVENZIONE: Se si fuma, smettere di fumare. Non è mai troppo tardi per smettere. Inoltre, si dovrebbe cercare di evitare il fumo passivo. Lo screening di routine per il cancro polmonare non è raccomandato. Molti studi sono stati fatti per capire se lo screening può essere efficace, ma i medici hanno concluso che, in questo momento, non contribuisce a migliorare la possibilità di una cura.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento