Carcinoma polmonare non a piccole cellule

Carcinoma polmonare non a piccole cellule


Carcinoma polmonare non a piccole cellule

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule è il tipo più comune di cancro al polmone. Di solito cresce e si diffonde più lentamente del carcinoma polmonare a piccole cellule. Ci sono tre forme:

  • Adenocarcinomi, si trovano spesso in una zona esterna del polmone;
  • Carcinomi a cellule squamose, si trovano di solito nei bronchi;
  • Carcinomi a cellule di grandi dimensioni, possono verificarsi in qualsiasi parte del polmone e tendono a crescere e diffondersi più velocemente rispetto agli altri due tipi.

CAUSE: Il fumo provoca la maggior parte dei casi di cancro del polmone. Il rischio dipende dal numero di sigarette fumate ogni giorno e per quanto tempo una persona ha fumato. Anche il fumo passivo aumenta anche il rischio, anche se raramente i non fumatori e non esposti al fumo passivo possono ammalarsi. Una rassegna di decenni di ricerca ha recentemente dimostrato che fumare marijuana può aiutare le cellule tumorali a crescere, ma non vi è alcun collegamento diretto. Alti livelli di inquinamento dell’aria e dell’acqua potabile contenente alti livelli di arsenico possono aumentare il rischio di cancro ai polmoni, così come la radioterapia ai polmoni o lavorare con o in prossimità di materiali chimici cancerogeni come amianto, prodotti con cloruro e formaldeide e alcune leghe, vernici, pigmenti e conservanti.

SINTOMI: Il cancro del polmone precoce può non causare alcun sintomo. I sintomi dovrebbero comprendere:

  • Tosse che non va via;
  • Tosse con sangue;
  • Mancanza di respiro;
  • Sibilo;
  • Dolore toracico;
  • Perdita di appetito;
  • Perdere di peso involontaria;
  • Fatica;
  • Debolezza;
  • Difficoltà di deglutizione;
  • Problemi alle unghie;
  • Dolore alle articolazioni;
  • Raucedine o cambiamento della voce;
  • Gonfiore del viso;
  • Palpebre cadenti;
  • Dolore o mollezza ossea;
  • Dolore o debolezza alla spalla.

Questi sintomi possono essere dovuti ad altre condizioni meno gravi. E’ importante parlarne con il vostro medico.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico e porrà domande sulla storia medica. Vi verrà chiesto se si fuma, e se sì, da quanto tempo. Durante l’ascolto del torace con uno stetoscopio, il medico può sentire a volte un fluido intorno ai polmoni, che potrebbe (ma non sempre) suggerire il cancro. I test che possono essere eseguiti per diagnosticare il cancro al polmone o per vedere se si è diffuso sono:

  • Radiografia del torace;
  • CBC;
  • Test di escreato per la ricerca di cellule tumorali;
  • Scintigrafia ossea;
  • TAC del torace;
  • Risonanza magnetica del torace;
  • Tomografia a emissione di positroni;
  • Toracentesi.

In alcuni casi, il medico deve rimuovere un pezzo di tessuto dai polmoni per l’esame al microscopio (biopsia). Ci sono diversi modi per farlo:

  • Broncoscopia in combinazione con biopsia;
  • Biopsia pleurica;
  • TAC con agobiopsia diretta;
  • Mediastinoscopia con biopsia;
  • Biopsia polmonare aperta;
  • Ecografia endoscopica dell’esofago con biopsia.

Se la biopsia mostra il cancro ai polmoni, altri test di imaging saranno fatti per determinare lo stadio del cancro, cioè quanto si è diffuso. Il carcinoma polmonare non a piccole cellule è diviso in cinque fasi:

  • Stadio 0 – il cancro non si è diffuso oltre il rivestimento interno del polmone;
  • Stadio I – il tumore è piccolo e non si è diffuso ai linfonodi;
  • Stadio II – il cancro si è diffuso in alcuni linfonodi vicino al tumore originale;
  • Stadio III – il cancro si è diffuso ai tessuti vicini o diffusi a linfonodi distanti;
  • Stadio IV – il cancro si è diffuso ad altri organi del corpo, come l’altro polmone, cervello o fegato.

TERAPIA: Ci sono molti diversi tipi di trattamento per il tumore non a piccole cellule che dipendono dallo stadio del cancro. La chirurgia è spesso la prima linea di trattamento per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule che non si è diffuso oltre i linfonodi vicini. Il chirurgo può rimuovere:

  • Uno dei lobi del polmone (lobectomia);
  • Solo una piccola parte del polmone (cuneo o la rimozione del segmento);
  • Intero polmone (pneumonectomia).

Alcuni pazienti necessitano di chemioterapia. La chemioterapia utilizza farmaci per uccidere le cellule tumorali e impedire la crescita di nuove. La chemioterapia da sola è spesso usata quando il tumore si è diffuso (stadio IV). Si può anche subire intervento chirurgico o la radioterapia per trattamenti più efficaci, anche dopo l’intervento chirurgico (terapia adiuvante) per uccidere tutte le restanti aree microscopiche del cancro.

La radioterapia utilizza potenti raggi-X o altre forme di radiazione per uccidere le cellule tumorali e può essere usata con la chemioterapia, se la chirurgia non è possibile. I seguenti trattamenti sono principalmente usati per alleviare i sintomi:

  • Laser terapia – un piccolo fascio di luce brucia e uccide le cellule tumorali;
  • Terapia fotodinamica – usa una luce per attivare un farmaco nel corpo, che uccide le cellule tumorali.

PROGNOSI: La prospettiva è molto variabile. Il più delle volte, il carcinoma si sviluppa lentamente e provoca pochi o nessun sintomo fino a fasi molto avanzate. Tuttavia, in alcuni casi, può essere estremamente aggressivo e causare una morte rapida. Il tumore può diffondersi ad altre parti del corpo, comprese le ossa, fegato, intestino tenue e il cervello. La chemioterapia ha dimostrato di prolungare la vita e migliorare la qualità della vita in alcuni pazienti allo stadio IV. I tassi di guarigione sono legati allo stadio della malattia e se si è in grado di effettuare un intervento chirurgico.

  • Stadi I e II possono essere curate con la chirurgia a volte in più del 50% dei casi.
  • Stadio III può essere curato in alcuni casi, ma i tassi di guarigione sono molto più bassi rispetto allo stadio precedente.
  • I pazienti con malattia allo stadio IV non guariscono quasi mai, e gli obiettivi della terapia sono estendere e migliorare la qualità della loro vita.

Possibili complicazioni sono la diffusione della malattia al di là del polmone, oppure gli effetti collaterali della chirurgia, chemioterapia o radioterapia.

PREVENZIONE: Se si fuma, smettere di fumare. Non è mai troppo tardi per smettere. Le persone che hanno fumato in passato possono avere aumentato rischio di cancro al polmone più di 20 anni dopo aver smesso, anche se il rischio diminuisce significativamente nel primo anno dopo aver smesso. Cercare di evitare il fumo passivo e seguire una dieta ricca di frutta e verdura. Lo screening di routine per il cancro polmonare non è raccomandato. Molti studi hanno concluso che, in questo momento, non aiuta a migliorare la possibilità di curare un paziente.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento