Catalessi

Catalessi


Catalessi

La catalessi è una situazione di completo distacco mentale, come se una persona entra in trance. Può capitare in chiunque ma è più comune in età adulta.

CAUSE: La catalessi è una malattia mentale che può essere causata principalmente da schizofrenia, un duro trauma emozionale, uno shock emozionale, depressione prolungata ed epilessia. La catalessi inoltre può essere associata ad altre condizioni come apnea del sonno, sindrome di Pickwickian, narcolessia, obesità e ad un’operazione chirurgica denominata settoplastica. La catalessi coinvolge il sistema nervoso, i muscoli, lo scheletro e la capacità di movimento.

SINTOMI: I 5 segni inequivocabili della malattia sono:

  • Corpo rigido;
  • Arti rigidi;
  • Arti che mantengono la posizione quando vengono spostati;
  • Nessuna risposta o riconoscimento
  • Perdita del controllo muscolare volontario.

Inoltre le funzioni vitali sono ridotte al minimo tanto che a volte viene persino simulata la morte per alcuni minuti, ore, e raramente per giorni.

DIAGNOSI: I test più comuni per rilevare la condizione, oltre che l’esame fisico, sono:

  • Neuropatia del nervo;
  • Test del diabete;
  • Test della glicemia;
  • TAC;
  • Risonanza magnetica con artrogramma;
  • PET;
  • Scintigrafia ossea;
  • Scansione al gallio;
  • Ultrasuoni spinali.

TERAPIA: L’obiettivo del trattamento è di curare la malattia di base che ha portato alla catalessi. Possono essere assegnate medicine muscoloscheletriche per mantenere attivi i vasi sanguigni, i muscoli ed il sistema nervoso. Un osteopata effettua manipolazioni del corpo per mantenerne quanto più intatta possibile la funzione. Può essere adottata la chiropratica e la terapia fisica, e persino la chirurgia come ultima spiaggia, in particolare per la colonna vertebrale e gli arti. Se il paziente ha subìto dei traumi fisici, il chirurgo si preoccupa di curarli, così come deve riparare eventuali complicazioni come ernia del disco, frattura, sindrome del tunnel carpale, ecc.

Altre possibili complicazioni possono essere artriti, malformazioni, ernia e gomito del tennista.

[Fonti: Rightdiagnosis; Online Vitamins Guide]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento