Cisti pilonidale

Cisti pilonidale


Cisti pilonidale

Una cisti pilonidale è una piccola fossetta o lesione che può verificarsi ovunque lungo la piega tra le natiche (area sacrale). La maggior parte delle cisti pilonidali sono buche o piccole depressioni che sono presenti fin dalla nascita. Esse possono variare da una piccola fossetta ad un tratto profondo con dei peli dentro o intorno ad essa. Possono essere presenti più fossette. Molto raramente, la cisti pilonidale può raggiungere il midollo spinale.

Una cisti pilonidale può infettarsi, formando quello che viene chiamato “ascesso pilonidale”. Questo può richiedere un drenaggio chirurgico. In caso di infezione ripetuta, la chirurgia può essere praticata per rimuoverlo.

CAUSE: La causa della cisti pilonidale non è certa. Queste cisti possono essere congenite (presenti dalla nascita). In alcuni casi, potrebbero essere causate dalla crescita dei peli nella pelle. Ciò può avvenire con peli in eccesso o star seduti per lunghi periodi di tempo.

DIAGNOSI: Il medico porrà domande sulla storia medica del paziente e farà un esame fisico. A volte possono essere richieste informazioni sui cambiamenti della cisti, eventuali problemi o sintomi ad essa correlati sensazione di intorpidimento o perdita di movimento delle gambe o difficoltà nel controllo della vescica.

La maggior parte delle cisti pilonidali non danno alcun sintomo e possono essere lasciate senza problemi. Raramente, i test possono essere fatti per determinare se la cisti pilonidale si estende fino al midollo spinale.

TERAPIA: Potrebbe essere utile mantenere la zona pulita e asciutta e rimuovere i peli regolarmente per aiutare a prevenire l’infezione.

Contattare un medico se si nota gonfiore, arrossamento, drenaggio, o mollezza vicino alla cisti pilonidale.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento