Convulsioni febbrili

Convulsioni febbrili

bambino con convulsioni e febbre
Convulsioni febbrili

Le convulsioni febbrili in un bambino sono innescate dalla febbre. Queste convulsioni avvengono senza infezioni del midollo spinale, al cervello o altre cause neurologiche.

CAUSE: Circa il 3-5% dei bambini sani di età compresa tra 9 mesi e 5 anni hanno almeno una crisi causata dalla febbre. I bambini sono più comunemente colpiti e spesso la condizione è ereditaria. La maggior parte delle convulsioni febbrili si verificano nelle prime 24 ore di una malattia, e non necessariamente quando la febbre è più alta. La convulsione è spesso il primo segno della febbre.

Le convulsioni febbrili di solito sono innescate da febbri da:

  • Infezioni all’orecchio;
  • Roseola;
  • Infezioni delle alte vie respiratorie causate da un virus.

La meningite causa meno dello 0,1% di convulsioni febbrili, ma deve essere sempre considerata, soprattutto nei bambini di meno di 1 anno, o in quelli che sembrano star male anche quando la febbre scende. Un bambino può avere più di una convulsione febbrile se:

  • C’è una storia familiare di convulsioni febbrili;
  • La prima crisi si è verificata prima dei 12 mesi;
  • Si è verificata con la febbre sotto i 38° C.

SINTOMI: Un attacco febbrile può essere mite con gli occhi che ruotano e gli arti che si irrigidiscono. Spesso la febbre innesca una vera e propria convulsione che coinvolge tutto il corpo. Le convulsioni febbrili possono iniziare con la contrazione improvvisa dei muscoli su entrambi i lati del corpo, di solito i muscoli del viso, tronco, braccia e gambe. Il bambino può piangere o lamentarsi per la forza della contrazione muscolare. La contrazione continua per alcuni secondi, o decine di secondi. Il bambino cadrà, se in piedi, e può urinare.

Il bambino può vomitare o mordersi la lingua. A volte non respira e può cominciare a diventare blu. Infine, la contrazione è interrotta da brevi momenti di rilassamento. Il corpo comincia a strattonarsi ritmicamente e il bambino non risponde alla voce del genitore.

Una convulsione febbrile semplice si ferma da sola entro pochi secondi o minuti. Di solito è seguita da un breve periodo di sonnolenza o confusione; una complessa dura più di 15 minuti, è in una sola parte del corpo, o si verifica più volte nel corso della stessa malattia. Le convulsioni febbrili sono diverse dai tremori o disorientamento che possono verificarsi anche con la febbre. I movimenti sono gli stessi come in un attacco epilettico.

DIAGNOSI: Il medico può diagnosticare convulsioni febbrili se il bambino ha un attacco epilettico, ma non ha una storia di disturbi convulsivi (epilessia). Nei neonati e nei bambini piccoli, è importante escludere altre cause come la meningite. In un attacco febbrile tipico, l’esame di solito non mostra anomalie diverse dalla malattia che causa la febbre. Tipicamente, il bambino non avrà bisogno di un esame completo della convulsione (che comprende un elettroencefalogramma, TAC alla testa, e la puntura lombare). Per evitare di dover subire un controllo completo:

  • Il bambino deve essere evolutivamente normale;
  • Deve aver avuto una crisi convulsiva generalizzata, nel senso che è stata in più di una parte del corpo e non limitata ad una sola parte;
  • L’attacco non deve essere durato più di 15 minuti;
  • Il bambino non deve aver avuto più di una convulsione febbrile in 24 ore;
  • L’esame neurologico deve risultare normale.

TERAPIA: Durante l’attacco, lasciare il bambino steso. Si consiglia di far scorrere una coperta sotto di lui se è sul pavimento. Spostarlo solo se è in una posizione pericolosa. Rimuovere gli oggetti che possono ferirlo, allentare eventuali indumenti stretti, in particolare intorno al collo. Se possibile, aprire o rimuovere i vestiti dalla vita in su. Se vomita, o se saliva e muco ostruiscono la bocca, girarlo su un fianco o a pancia in giù, in modo che la lingua gli permetta di respirare.

Non cercare di inserirgli qualcosa in bocca per impedirgli di mordersi la lingua, e non cercare di fermarlo, ma deve fermarsi da solo. Focalizzare l’attenzione sulla febbre da far scendere con:

  • Una supposta di acetaminofene;
  • Non dare nulla per via orale;
  • Applicare un panno freddo sulla fronte e sul collo. Spugnare il resto del corpo con acqua tiepida (non fredda). L’acqua fredda o alcool possono peggiorare la febbre.

Dopo che l’attacco è finito ed il bambino è sveglio, dargli la normale dose di ibuprofene o paracetamolo. Il passo più importante è identificare la causa della febbre.

PROGNOSI: La prima crisi febbrile è un momento terribile per i genitori. Molti genitori hanno paura che i loro figli muoiano o abbiano danni cerebrali. Tuttavia semplici convulsioni febbrili sono innocue. Non ci sono prove che causino la morte, danni cerebrali, epilessia, ritardo mentale, una diminuzione del quoziente intellettivo o difficoltà di apprendimento.

Un piccolo numero di bambini che hanno avuto convulsioni febbrili hanno sviluppato l’epilessia, ma non a causa delle convulsioni febbrili. I bambini che si sviluppano l’epilessia a volte hanno la loro prima crisi epilettica durante la febbre. Queste sono di solito prolungate e complesse. I problemi neurologici e casi in famiglia di epilessia rendono più probabile che il bambino svilupperà la malattia. Il numero di convulsioni febbrili non è correlato all’epilessia futura.

Circa un terzo dei bambini che hanno avuto una crisi convulsiva febbrile ne avranno un’altra con la febbre. Tra questi, circa la metà avrà un terzo attacco. Pochi bambini hanno più di tre convulsioni febbrili nella loro vita. La maggior parte dei bambini non ne ha più dopo i 5 anni. Possibili complicazioni possono essere:

  • Mordersi;
  • Respirare liquido nei polmoni;
  • Complicazioni di una grave infezione, come la meningite;
  • Cadute o urti contro altri oggetti;
  • Lesioni da attacchi epilettici lunghi o complicati;
  • Convulsioni non causate dalla febbre;
  • Effetti collaterali di farmaci usati per curare e prevenire le crisi (se prescritti).

Contattare un medico dopo la loro prima crisi febbrile. Se l’attacco è durato diversi minuti, chiamare un ambulanza o portare il bambino in ospedale. Se finisce in fretta, portarlo al pronto soccorso quando è finito. Chiamare un medico se si verificano attacchi ripetuti nel corso della stessa malattia, o se l’ultima crisi sembra diversa dalle altre, oppure se altri sintomi si verificano prima o dopo l’attacco, come ad esempio:

  • Movimenti anomali;
  • Agitazione;
  • Confusione;
  • Sonnolenza;
  • Nausea;
  • Problemi di coordinazione;
  • Eruzione cutanea;
  • Sedazione;
  • Tremori.

E’ normale per i bambini dormire o essere sonnolenti o confusi dopo la crisi.

PREVENZIONE: Spesso non è possibile prevenire una crisi, ma una convulsione febbrile non significa che il bambino non sia adeguatamente curato. A volte un medico può prescrivere il diazepam per prevenire o trattare le convulsioni febbrili che si verificano più di una volta. Tuttavia, nessun farmaco è completamente efficace nel prevenire le convulsioni febbrili.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento