Difetto della fase luteale

Difetto della fase luteale


Difetto della fase luteale

Il difetto della fase luteale è una perturbazione nel normale ciclo mestruale femminile. Il difetto si verifica quando l’organismo non produce abbastanza progesterone. Ciò si traduce in un ritardo nello sviluppo del rivestimento dell’utero (endometrio). La fase luteale è il tempo che intercorre tra l’ovulazione e l’inizio del successivo ciclo mestruale.

CAUSE: Il concetto di difetto della fase luteale è controverso, come il suo ruolo nell’infertilità è incerto. I difetti della fase luteale colpiscono circa il 3-4% delle donne con infertilità, e fino al 5% nelle donne con una storia di aborti ripetuti. Tuttavia, i difetti della fase luteale possono essere trovati nel 30% dei cicli mestruali delle donne in buona salute. I fattori di rischio includono:

  • Una storia di infertilità inspiegata;
  • Una storia di aborti ripetuti.

SINTOMI: Il sintomo principale è cicli mestruali brevi e irregolari.

DIAGNOSI: Tradizionalmente, una biopsia dell’endometrio è l’esame principale per la diagnosi dei difetti della fase luteale. Tuttavia, misurare il livello di progesterone nel siero del sangue è spesso usato come mezzo di diagnosi, al posto della biopsia dell’endometrio che causa del dolore, difficoltà di precisa datazione del ciclo mestruale, e per i costi associati alla pratica. Un livello sierico di progesterone nel sangue inferiore a 10 ng/ml una settimana prima dell’inizio del ciclo mestruale o 7 giorni dopo la spinta dell’ormone luteinizzante (LH) è generalmente accettato come una diagnosi di difetto della fase luteale.

TERAPIA: Le iniezioni di progesterone o gel (Crinone) sono spesso utilizzate quando si sospetta il difetto della fase luteale. Se ci sono prove di FSH basso (ormone follicolo stimolante) in compresenza di difetti della fase luteale, può essere dato il citrato di clomifene.

PROGNOSI: Con la terapia del progesterone, i tassi di successo sono di circa il 50%, ma mancano studi completi su questo tema.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento