Disturbo di somatizzazione

Disturbo di somatizzazione

Disturbo di somatizzazione

Il disturbo di somatizzazione è una condizione a lungo termine (cronica) in cui una persona ha sintomi fisici che sono causati da problemi psicologici, e nessun problema fisico può essere trovato.

CAUSA: La malattia di solito inizia prima dei 30 anni e si verifica più spesso nelle donne che negli uomini. La malattia è più comune nelle persone con sindrome da intestino irritabile e dolore cronico. I medici spesso respingono i pazienti con disturbi di somatizzazione perché ritengono che i problemi siano “tutti nella loro testa”. Tuttavia, i ricercatori che studiano le connessioni tra il cervello, il sistema digerente e il sistema immunitario, hanno descritto meglio i disturbi da somatizzazione. Essi non dovrebbero essere considerati come “finte” condizioni.

SINTOMI: Le persone con questo disturbo hanno molti disturbi fisici che durano da anni e possono coinvolgere qualsiasi sistema del corpo. Molto spesso, le denunce riguardano dolore cronico e problemi con il sistema digerente, sistema nervoso e sistema riproduttivo. I sintomi sono in genere abbastanza gravi da interferire con il lavoro e le relazioni, e portano la persona a visitare il medico e prendere farmaci. La persona ha spesso passato tanto tempo con diverse condizioni. Tuttavia, anche dopo un’approfondita valutazione, nessuna causa fisica viene mai trovata. Lo stress spesso peggiora i sintomi. Alcuni dei molti sintomi che possono verificarsi con i disturbi di somatizzazione includono:

  • Dolore addominale;
  • Amnesia;
  • Mal di schiena;
  • Gonfiore;
  • Dolore toracico;
  • Diarrea;
  • Difficoltà a deglutire;
  • Vertigini;
  • Eccessivo sanguinamento mestruale;
  • Mal di testa;
  • Impotenza;
  • Mestruazioni irregolari;
  • Dolori;
  • Nausea;
  • Dolore durante il coito;
  • Dolore durante la minzione;
  • Mestruazioni dolorose;
  • Dolore alle gambe o alle braccia;
  • Palpitazioni;
  • Paralisi o debolezza muscolare;
  • Apatia sessuale;
  • Respiro affannoso;
  • Modifiche alla vista;
  • Vomito.

E’ importante notare che molti di questi sintomi si verificano anche in altre patologie mediche e psichiatriche. Se si verifica uno di questi sintomi, lavorare con il proprio medico per trovare le possibili cause prima che una diagnosi di disturbo di somatizzazione sia fatta.

DIAGNOSI: Un approfondito esame fisico e test diagnostici sono effettuati per individuare le cause fisiche. I tipi di test effettuati dipendono da quali sintomi si hanno. La valutazione psicologica è effettuata per individuare i disturbi legati all’alimentazione.

TERAPIA: Una volta che altre cause sono state escluse ed è probabile che abbiate un disordine di somatizzazione, l’obiettivo del trattamento è quello di aiutarvi ad imparare a controllare i sintomi. C’è spesso un disturbo dell’umore, che può rispondere a farmaci antidepressivi. Recarsi regolarmente agli appuntamenti in calendario per rivedere i sintomi e i meccanismi di adattamento. Non deve essere detto che i sintomi sono immaginari. Con la comprensione delle complesse interazioni tra il cervello e altre parti del corpo, gli scienziati riconoscono che reali sintomi fisici possono derivare dallo stress psicologico.

Possibili complicazioni possono derivare dai test invasivi e da numerose valutazioni, mentre si cerca la causa dei sintomi. C’è il rischio di diventare dipendente da antidolorifici o sedativi, ed il peggioramento della condizione a causa di una scarsa attenzione da parte del medico al problema.

PREVENZIONE: La consulenza o altri interventi psicologici possono aiutare le persone che sono inclini alla somatizzazione ad imparare altri modi per alleviare lo stress. Questo può aiutare a ridurre l’intensità dei sintomi.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento