Fête De La Musique: 34 Anni Già !

Fête De La Musique: 34 Anni Già !

La musica addolcisce le maniere, ma ammorbidisce anche la vecchiaia ! Compay Segundo della famosa Buena Vista Social Club in grado di suonare la chitarra, a 95 anni, e Arthur Rubinstein, all’età di 94 anni. E questo non è così sorprendente, dall’Inserm i ricercatori hanno dimostrato che la musica ha un impatto non solo sulla memoria, ma anche capacità motorie. Suonare uno strumento ti fa invecchiare in salute migliore. Inoltre, gli scienziati hanno anche dimostrato che l’ascolto di musica durante la notte migliorare la nostra memoria. Scopri quali sono i benefici effetti della musica sul cervello ? Guarda le foto del primo festival di musica nel 1982. 34 anni: :

Platone scrisse “la musica che anima i nostri cuori e le ali del pensiero”, ma è anche benefico per la nostra salute. Preservare l’invecchiamento, la musica addolcisce la nostra pensione.

Attivando allo stesso tempo, le diverse aree del cervello, la musica aiuta a sviluppare una particolare area del cervello chiamata ippocampo, l’area a giocare un ruolo da protagonista nel processo di memoria. Studiato utilizzando la risonanza magnetica, la musica aiuta a coordinare il lato destro del cervello con il lato sinistro. Così, la musica attiva e sincronizza più reti cerebrali.

I risultati sono spettacolari e promettente. Di persone che soffrono di malattia di Alzheimer sono stati in grado, grazie a lezioni di canto, per fare il lavoro in modo vantaggioso per la loro memoria. Hanno ricordato facilmente i testi a differenza del gruppo che non era il canto. Inoltre, il tango si sviluppa in case di riposo, perché aiuta a sviluppare le abilità motorie di persone che si muovono solo con un deambulatore. Le persone con malattia di Alzheimer camminare meglio, più velocemente e più facilmente se le mosse sono nella musica!

Ma un altro studio, questa volta presso l’Università di Tubinga in Germania, dimostra scientificamente che l’ascolto di musica durante la notte, durante il sonno, aiuta a sviluppare la memoria. Wake up, persone che hanno sentito la musica durante la notte, che ricorda molto meglio di combinazioni di parole che hanno cercato di memorizzare la notte prima.

Inoltre, e questo non è meno importante, dell’università canadese, hanno dimostrato che la musica classica e in particolare Mozart, diminuisce lo stress e rafforza il sistema immunitario. Prima di alcune operazioni, invece di amministrare il Valium, i medici non ascoltare brani di musica classica, e i pazienti sono molto più rilassato rispetto a quando non aveva ingerito le pillole! In aggiunta, ci sono effetti collaterali !

Nietzsche disse: “Senza la musica la vita sarebbe un errore” e aveva ragione, non solo perché si sviluppa la nostra memoria, la nostra capacità motorie, ma anche de-sottolinea la. E allora perché non ascoltare un preludio di Bach, dopo la lettura, il relax?

Lascia un commento