La Verità Sulle Pensioni !

La Verità Sulle Pensioni !

Oggi c’è un gran parlare di una nuova riforma delle pensioni e degli sforzi necessari e pensionati non sarà risparmiato ! Già i pensionati devono pagare una tassa di 0,3% e pensioni sarà potenziato il 1 ° ottobre 2014 e non 1 aprile 2014! È questa l’equità ? Nel 2012 In Francia, 13,2 milioni di pensionati, o il 20% della popolazione e l’importo medio delle pensioni del regime generale è di 1.040€ al mese. È lontano dall’immagine di ricchi che alcuni vogliono trasmettere ! Scopri gli altri numeri che sono nascosti da noi :

Nel nostro paese, il 55% dei pensionati sono donne, e se si prende in considerazione il 13 milioni di pensionati, e l’età media è di 72 anni. Fondamentalmente per una donna, la pensione significa due volte meno soldi e per due volte il marito !

Se sei una donna, l’importo medio è stato da 957€ allora è 1106€ per un uomo. Alcuni dicono che le pensioni di anzianità sono aumentate, ma 25€ al mese rispetto al 2011, ma non fa per il solo inflazione. 4% di una generazione, è poco !

E poi devi anche prendere in considerazione la disparità del livello delle pensioni in funzione dei piani:

–i funzionari hanno una pensione media di 2127€

-le professioni poco meno di 2000€

-diete speciali (SNCF, RATP…) 1749€

-i militari 1650€

Questi dati confortanti, perché in 5 anni la pensione sono aumentati di quasi il 5%. Ma i numeri che ci accingiamo a darvi ora fanno paura, così giudicare :

-gli artigiani hanno una media livello di pensioni di 630€

-i commercianti 543€

gli agricoltori ‘ 582€

Questo è scandaloso e inimmaginabile, che tale disparità ! Ma chi parla !

E dire che alcuni vogliono tappare le pensioni, o désindexer pensioni all’inflazione, perché spesso, i pensionati hanno pagato i loro mutui o non hanno figli a carico. Fadaise, come vuoi vivere con 1000€ al mese, indicando il linguaggio scurrile, che i pensionati hanno lavorato e contribuito per tutta la loro vita ! Per la memoria, ci sono ancora 422 000 persone che traggono beneficio da un minimo di pensione di vecchiaia, che ammonta a 777 euro !

Il 7% dei pensionati occupano ancora un posto di lavoro, che corrisponde a più di 600 000 persone in età pensionabile e che stanno ancora lavorando ! In 7 anni il numero si è raddoppiato ! Se il 40% di persone che stanno ancora lavorando per vari motivi ( non voglio stare a casa, al lavoro, molto interessanti), quasi il 55% abbiamo fatto questa scelta per motivi finanziari. La pensione non è sufficiente per vivere ! Prendiamo l’esempio dei medici: quasi il 35% dei medici sono all’età della pensione, continuano ad esercitare e questo dato è in aumento del 10% ogni anno !

D’altra parte, se nessuna riforma in atto, il deficit del sistema pensionistico sarà pari a 25 miliardi di euro all’anno! Questo è il bilancio annuale di un ministero ! È colossale e pensionati immaginare che un giorno la pensione non vengono più pagati. È questa la principale preoccupazione ed è legittimo a condizione che il deficit abissale.

Ci sono tre modi per risolvere il cronico deficit: aumentare i contributi, ma, in tempi di crisi è difficile, le pensioni sono bloccate, ma non si deve dimenticare che una quota dello 0,3% è entrato in vigore e pensionati, come abbiamo visto sopra, non sono i ricchi, infine, c’è un’ultima soluzione: aumentare la durata delle attività e trascorrere il pensionamento all’età di 62 anni e poi a 65 anni. Gli esperti ritengono che anche l’allungamento della durata dei contributi, oggi non sono al 41,5 anni per una pensione completa. Uno dei progetti in studio è di 44 anni per chi ha iniziato a lavorare nel 1990.

I pensionati sono pessimista, conoscono i numeri. Sono già messo al lavoro da queste nuove tasse e sono ben consapevole che senza una significativa modifica del piano, la pensione andrà per il disastro. Ma sicuramente, i pensionati non sarà risparmiato, facciamo il punto sulle due minacce che pesano sulle nostre spalle, e gli ultimi progetti del governo :

1. l’allineamento del CSG dei pensionati su quello dei beni porterebbe a un de facto un aumento dello 0,9% ( c’è un cambiamento del 6,6% e 7,5%), che corrispondono ad un incremento di circa 150€ l’anno !

2. Un’altra pista è allo studio : désindexer pensioni, che è a dire, non tengono conto dell’inflazione. Se il désindexation è totale, la perdita sarà di circa€ 250 all’anno, ma se il désindexation è solo parziale, vale a dire, un adeguamento della pensione di un punto in meno dell’inflazione, le pensioni di perdere, in questo caso, di circa 140€.

In tutti i casi, i pensionati, di pagare!!!

Si ricorda che, nel 1945, l’aspettativa di vita dopo il pensionamento di dodici mesi, in modo che ora ha 27 anni in media. L’aspettativa di vita aumenta ogni anno di 60 giorni ed è molto meglio così, ma non stiamo andando a chiedere ai pensionati a tagliare le loro pensioni, questo sarebbe intollerabile e ingiusta, e non si può chiedere loro di tornare al lavoro, anche se 600 000 pensionati accumulare già in pensione e l’occupazione. Si tratta di una scelta di vita e di società che gioca in questo momento. I medici hanno visto il loro pensionamento andare giù, e sì, quasi il 6%, e di altri regimi minacciano di fare lo stesso!!! Passiamo, prima che sia troppo tardi. I pensionati,in quanto non si manifesta, non può essere la variabile di aggiustamento di riforme troppo a lungo rimandato. La procrastinazione di leader è palese a prendere misure impopolari, ma necessarie per garantire il finanziamento delle pensioni. Prendiamo l’esempio della Grecia, dove le pensioni sono diminuite di quasi il 18%, che corrisponde nel nostro paese per una pensione media in perdita di quasi $ 190€ al mese!! Questo è ciò che vogliamo per il nostro paese ?

Ammettiamolo, i numeri sono chiari e inequivocabili: la quota di risorse destinate alle pensioni è del 9% del PIL in 20 anni, il doppio ! La situazione è drammatica, ansiogena per gli anziani, poi lotta più in pensione a queste fondamentali domande ! Inoltre, il 48% dei giovani sotto i 25 anni di età credono di lavoro almeno fino a 70 anni di età e solo il 24% sono fiducioso nel nostro sistema ! Se anche più giovani dubbio !

projetretraite

Lascia un commento