Perché alcuni si sentono più dolore rispetto ad altri?

Perché alcuni si sentono più dolore rispetto ad altri?

Molte persone dimettersi per fare attività di cui godono o di lavoro a causa del dolore.

Non con abbastanza forza per uscire di casa e affrontare i processi di socializzazione o di apprendimento.

Questo disagio aumenta quando sanno che le persone con le stesse condizioni mediche hanno una migliore qualità di vita e la loro performance giornaliera appena cambiato.

Chiedo perché si sentono più dolore rispetto agli altri, “io sono debole?”, si stanno chiedendo, con il conseguente abbassamento dell’autostima.

Come abbiamo spiegato in questo spazio, la salute mentale ha un forte impatto sul sistema immunitario e, quindi, nel nostro stato fisico.

Quello che è certo è che tutti noi abbiamo interrogato mai tutto questo o, forse, non sentirsi piccolo quando gli atleti di giocare feriti, feriti o malati?

La soluzione a questo conflitto, dobbiamo considerare la possibilità di gestire le nostre emozioni.

La visita di questo articolo: La sindrome della rana bollita: non in grado di reagire all’abuso sottile

L’intelligenza emotiva è la chiave per la gestione del dolore

Stiamo parlando della capacità di rilevare i nostri sentimenti e la causa della stessa, per preservare gli aspetti positivi e contrastare i negativi.

Coloro che si sentono più dolore che altri hanno difficoltà a combattere contro le emozioni spiacevoli e, quindi, tenendo premuto loro.

La risposta emotiva alla malattia è diverso in ogni persona.

Questo è presente nella comunicazione tra la corteccia cerebrale e il nucleo accumbens, un link che controlla anche la motivazione. Così, il più forte è il legame tra le due parti del cervello, la sensazione di dolore, sarà maggiore e più durevole.

Tenendo conto di questo, è possibile attenuare grazie al controllo di queste connessioni, perché sono costruite con le idee. La paura della sofferenza, la mancanza di controllo, la paura della malattia… Tutti questi elementi intensificare il disagio.

Impedisce di sentire più dolore di altri, con la piena consapevolezza o mindfulness

"mindfulnes

La piena consapevolezza o mindfulness è un insieme di esercizi mentali, il cui obiettivo è quello di aiutare a focalizzare la vostra attenzione su un certo fenomeno.

Per fare questo, si utilizza quello che viene chiamato “presenza”. Si allena la percezione, e si realizza che l’attenzione è totale, ma con una prospettiva più aperta e positiva.

A differenza di quello che può sembrare, l’obiettivo della tecnica è che abbiamo capito il dolore, non pensare ad altro.

Di conseguenza, è necessario porre l’attenzione sulla stessa, ma con un atteggiamento di curiosità: focus sulla esaminare, e non condannare, e non sarà di quelli che si sentono più dolore di altri.

Il motivo è che, si noterà che i livelli di dolore variare, perché da essa si verifica, e quando miglioramento.

Avendo questa conoscenza vi aiuterà a sentirsi più potere su di te, che è molto importante, perché una delle conseguenze più frustrante del dolore è l’impossibilità di prendere in carico della vostra vita.

Leggi anche: la Relazione tra mal di schiena cronico e depressione

Imparare a comunicare con voi e non sentire più il dolore di altri

"mindfulness

Mindfulness è combinato con la Programmazione Neuro-linguistica.

Nel regno terapeutico è definito come lo sviluppo di affermazioni positive che collaborano alla creazione di cambiamenti di percezione di un fenomeno che ci causa disagio.

Pensare a questa situazione. Due persone hanno una crisi di emicrania, e i loro rispettivi amici a venire con un piano.

La reazione di uno è quello di pensare “fa veramente male la mia testa, ho intenzione di sopraffare e ho intenzione di essere desiderio di lasciare”, mentre l’altro reagisce dicendo “sto andando per rilassarsi e ridere, proprio quello di cui ho bisogno, di qualcosa che mi aiuti a far fronte con il mal di testa”.

È evidente che quest’ultimo è molto più probabile per smettere di sentirsi male rispetto agli altri.

Il motivo è molto semplice: le parole del primo sono stati concessi tutta la potenza per il dolore, ma il secondo ha introdotto altre variabili che possono ridurre il problema, in modo che ti mette in una condizione di parità con tali variabili.

Pertanto, si potrebbe dire che c’è un rapporto diretto tra le idee, le emozioni e il dolore che spiega il fatto che alcuni abbiano più il dolore di altri.

Se siete uno di loro, pensa che non è una soluzione: basta lavorare la mente di interagire con lo stesso in modo molto più positivo e sano.

Lascia un commento