Un Rischio Di Povertà Dei Pensionati Riemerge ! Questo è Il Report del Comitato Di sorveglianza Della Pensione Che L’ha Detto!

Un Rischio Di Povertà Dei Pensionati Riemerge ! Questo è Il Report del Comitato Di sorveglianza Della Pensione Che L’ha Detto!

"confidenceManuel Valls ieri ha presentato il terzo rapporto del comitato di sorveglianza della pensione. Si può notare che “un miglioramento lento ma sensibile” del sistema pensionistico e di considerare con “serenità” il futuro delle pensioni in Francia. Le conclusioni del rapporto“, ha confermato il forte ripresa del nostro sistema pensionistico”. Tutto questo va molto bene, ma nessuno, nessun media ha notato una frase molto inquietante di questo rapporto formale“, Tuttavia, la divergenza in evoluzione tra il reddito dei beni e quelli dei pensionati potrebbe riportare un rischio di povertà, che è chiamato, per il futuro, particolare vigilanza”. Ma, purtroppo, questo non è un rischio, è una realtà: 101 000 persone in più di 50 anni poveri in 1 anno !

Possiamo gioire i buoni risultati contabili, finanziari, del nostro sistema pensionistico. Ma dietro le cifre ci sono uomini e donne, per le quali la pensione non è un momento facile. Tuttavia, nessuno ne parla, gli esperti preferiscono parlare di “che la Francia ha messo il suo sistema pensionistico, sul percorso di un equilibrio finanziario sostenibile”.

Il Primo Ministro ha detto, “i nostri sforzi per preservare la pensione sistema di distribuzione, un modello di solidarietà che i francesi sono attaccati, stanno dando i loro frutti”. Il report a pagina 16 si legge: “Il comitato osserva che l’obiettivo di un tenore di vita soddisfacente per i pensionati ed è assicurato dal sistema pensionistico”. Soddisfacente, che cosa significa? Questo è il packaging, ma per la povertà dei pensionati, noi preferiamo mettere la polvere sotto il tappeto.

Altrove in questo documento, possiamo vedere grandi e belle curve sull’evoluzione del tasso di povertà dal 1996 al 2013, ma per i dati concreti, dovrebbe andare in base ai risultati del INSEE e soprattutto nel loro punteggi di bilancio e reddito sociale.

Nel presente caso, purtroppo, questo è più di un rischio di povertà dei pensionati, ma una realtà. Giudicate voi stessi:

-Nel 2013, 2 196 000 persone oltre i 50 anni sono poveri per 2 095 000 nel 2012. È di 101 000 persone in più di 50 anni poveri in 1 anno !

-Nel 2013, 1 078 000 pensionati sono poveri a 1 039 000 nel 2012. 39 000 pensionati poveri in 1 anno nel nostro paese. Il tasso di povertà dei pensionati è stato del 7,7% nel 2012 e del 7,9% nel 2013. Un aumento dello 0,2%!

Nessuno ne parla, nessuno evoca….

Così, quando la relazione del comitato di monitoraggio delle pensioni dichiara che c’è un rischio di povertà, questo è sbagliato, questo non è più un rischio, ma purtroppo è una realtà e non è con l’aumento ridicolo di minima per la pensione di vecchiaia di 80 centesimi di euro al mese, che cambierà il gioco…

Quando, poi, la relazione del comitato di sorveglianza ritiri, esige una particolare vigilanza per la povertà dei pensionati, diciamo che la vigilanza è fatto, ora abbiamo bisogno di azione e di misure concrete perché la situazione è grave. I governi devono interrompere la procrastinazione e affrontare ora il destino di un milione di pensionati poveri.

Vigilanza No, Azione, Sì !

la povertà in pensione

Lascia un commento